Editoriale

   
di Sandro Angelini
 



Buone notizie:
Si dell'Onu alla moratoria contro la pena di morte!

L'assemblea generale dell'Onu ha detto sì alla moratoria contro la pena di morte nel mondo.
I voti a favore sono stati 104, quelli contrari 54, le astensioni 29.
L'iniziativa è stata fortemente sostenuta dall'Italia, che lavora alla proposta dal 1994:
una bozza di risoluzione fu battuta al Palazzo di Vetro per soli otto voti!
Cinque anni dopo, una risoluzione dell'Unione Europea fu prima presentata e poi ritirata.
Da oggi la pena di morte non è più un diritto degli stati ma una violazione dei diritti umani.

Inoltre, lo stato del New Jersey ha messo al bando la pena di morte. Il 13 dicembre 2007, per la prima volta negli Stati Uniti le esecuzioni vengono abolite per via legislativa da quando nel 1976 la Corte Suprema ha reintrodotto la pena capitale. Il governatore democratico Jon Corzine... abolizionista convinto, ha firmato la ratifica. I motivi che in realtà hanno convinto non sono di natura morale, in maniera molto pragmatica, dati alla mano, è stato evidenziato che la pena di morte costa molto allo stato e non è un deterrente contro la criminalità.

 

 

 


 
   
 
e-mail: Info@nonso.it - webmaster: Astor Informatica